Lo zucchero è causa di obesità. Falso

Non esiste alcuna evidenza scientifica che provi l’esistenza di una relazione causale tra il consumo di zucchero e l’aumento di peso o l’obesità (1, 2, 3, 4).   Lo stesso discorso vale per lo zucchero “aggiunto”, spesso presentato sul banco degli imputati come principale causa di obesità e malattie cardiovascolari.

Un recente studio epidemiologico ha smentito questa correlazione, dimostrando ad esempio che in alcuni paesi, come Canada e Australia, alla generalizzata riduzione del consumo di zuccheri nella dieta ha fatto fronte un aumento di obesità, diabete e patologie correlate (5).

Attribuire ad un singolo nutriente la responsabilità di fenomeno complesso come l’obesità è riduttivo e semplicistico. L’aumento di peso avviene quando le calorie assunte con il cibo sono superiori all’energia consumata dal nostro metabolismo e con l’attività fisica: questo vale per tutti i tipi di alimenti, non solo per gli zuccheri. Risulta evidente che ci sono alcuni fattori, come la sedentarietà e una scarsa educazione nutrizionale, che giocano un ruolo da padroni nel dilagare di questa patologia (6).

FONTI:

  1. FAO/WHO Expert FAO/WHO (1998). Expert Consultation on Carbohydrates in Human Nutrition
  2. WHO / FAO (2003). Diet, Nutrition and the Prevention of Chronic Diseases. WHO Technical Report Series 916. WHO. Geneva. Annex 2
  3. Institute of Medicine, Food and Nutrition Board (2005). Dietary Reference Intakes for Energy, Carbohydrate, Fibre, Fat, Fatty Acids, Cholesterol, Protein and Amino Acids. The National Academies Press. Washington DC
  4. European Food Safety Authority (2010). Scientific Opinion on Dietary Reference Values for carbohydrates and dietary fibre. The EFSA Journal 2010; 8(3):1462.
  5. Rippe J.M., Angelopoulos T.J. (2016). Sugars, obesity, and cardiovascular disease: results from recent randomized control trials. Eur J Nutr. 2016 Jul 14. [Epub ahead of print]
  6. Te Morenga L. et al. (2013) Dietary sugars and body weight: systematic review and meta-analyses of randomised controlled trials and cohort studies. BMJ 346: e7492.
Condividi questo articolo: