Tassare lo zucchero è utile per la salute. Falso

Introdurre una tassa su alcuni alimenti è inutile per la salute perché non modifica le abitudini alimentari non corrette, tra cui gli eccessi. Si tratta di una misura inefficace, infatti numerose ricerche scientifiche mostrano che la tassazione non è lo strumento adatto per indirizzare i consumatori verso comportamenti di consumo adeguati e che non ha alcun impatto sulla riduzione dei tassi di obesità.

Il ricorso a leve fiscali rappresenta quindi una soluzione inadeguata e discriminatoria. La demonizzazione di alcuni alimenti non è la risposta appropriata a problemi di salute, come l’obesità, che ha una genesi complessa, certamente multifattoriale. Ogni considerazione su sovrappeso e obesità deve partire dall’assunto che l’aumento di peso è prima di tutto il risultato di uno sbilanciamento tra le calorie assunte e quelle consumate e che, in questo contesto, un ruolo fondamentale è giocato da un corretto stile di vita e da una dieta bilanciata.

Inoltre, è stato dimostrato che tassare alcuni alimenti porta il consumatore a sostituire i prodotti con altre di prezzo inferiore: questo, spesso, a scapito della qualità del prodotto.

FONTI:

  1. Trovato (2013). Obesità e Tasse – IBL Libri 2013
  2. Salerno N (2012). Food tax alla prova. Consumatori, Diritti e Mercato, Focus 3:2012
Condividi questo articolo: